JAKKO M JAKSZYK – presenta una serie di video interviste in merito al nuovo album

JAKKO M JAKSZYK, il chitarrista dei King Crimson, ha recentemente annunciato la release del nuovo album solista “Secrets & Lies”, in uscita il 23 ottobre 2020 su Inside Out Music.
Pochi giorni fa l’artista inglese ha avuto la possibilità di incontrare il presentatore televisivo e presentatore dei Progressive Music Awards Matthew Wright per parlare del nuovo disco; disponibile la prima parte dell’intervista a questo link:

 

Disponibili anche i singoli estratti da “Secrets & Lies”
“It Would All Make Sense”: https://youtu.be/9dn–ivPFSk
“The Trouble With Angels”: https://youtu.be/qIIUjJJFByI

“Secrets & Lies” sarà pubblicato in Limited CD+DVD Digipak (con mix in formato 5.1), Gatefold LP+CD e in digitale ed è già disponibile per il preorder: https://JakkoMJakszyk.lnk.to/SecretsLies

“Secrets & Lies” conterrà 11 brani che attraversano vari temi, quello dell’ossessione, del tradimento e della mutevole politica contemporanea tra gli altri; Jakko è abile nel bilanciare un songwriting delicato con tecnica sopraffina e melodie sempre accessibili racchiudendo tutto in un muro di suono variegato.
I tre brani “Separation”, “Under Lock & Key” e “Uncertain Times” sono stati scritti durante le sessioni di scrittura di King Crimson.

Nell’album troviamo l’artista inglese accompagnato dai suoi compagni dei King Crimson Robert Fripp, Gavin Harrison, Tony Levin e Mel Collins così come apparizioni di altri ospiti illustri come John Giblin (Peter Gabriel, Kate Bush, Simple Minds), Mark King (Level 42), Peter Hammill (Van der Graff Generator) e il comico inglese Al Murray.

Disponibile di seguito l’artwork curato da Sam Chegini su disegni di Phil Smee e la tracklist dell’album:

1. Before I Met You
2. The Trouble With Angels
3. Fools Mandate
4. The Rotters Club is Closing Down
5. Uncertain Times
6. It Would All Make Sense
7. Secrets, Lies & Stolen Memories
8. Under Lock & Key
9. The Borders We Traded
10. Trading Borders
11. Separation

Nonostante sia noto ai più come cantante e chitarrista dei King Crimson dal 2013, con i quali ha suonato concerti sold-out alla Radio City Music Hall di New York, all’antico teatro-anfiteatro di Pompei e tre notti alla Royal Albert Hall di Londra, Jakszyk ha maturato una carriera frenetica e sfaccettata nel corso di quasi mezzo secolo.
Jakko è stato membro dei 64 Spoons, una volta descritti come “incontro perfetto tra Stravinsky e i The Barron Knights”, dei Rapid Eye Movement e ha avuto una lunga carriera sia come esecutore che come produttore. È stato nominato da Guitar Magazine come uno dei migliori chitarristi negli anni 80 e il suo modo di suonare attirò l’attenzione di Mark King che lo portò a sostituire il leggendario chitarrista Allan Holdsworth nei Level 42 per quattro anni all’inizio del 1990.
Talentuoso polistrumentista Jakko ha suonato svariati generi, dal rock all’avanguardia fino al pop elegante e intelligente, collaborando con artisti del calibro di Anton Fier dei Golden Palimino, Mica Paris, Tom Robinson, Peter Blegvad,  John Greaves,  Mick Karn, Richard Barbieri, Dave Stewart e Barbara Gaskin, Steve Hackett, Steven Wilson e anche l’italianissimo Franco Battiato.
Vincitore del “Chris Squire Virtuoso Award” ai Progressive Music Awards 2017 allo Shakespeare’s Globe di Londra, Jakszyk è famoso anche per la sua abilità come ingegnere del suono e mixatore. Ha lavorato al remix in stereo e audio surround 5.1 per album storici come la storica trilogia degli Emerson Lake and Palmer e Brain Salad Surgery, Fish Out Of Water di Chris Squire, THRAK dei King Crimson, In Search Of The Lost Chord di The Moody Blues e diversi live di Jethro Tull incluse nelle ristampe di Songs From The Wood, Heavy Horses, Minstrel In The Gallery e altri.

Be the first to comment

Leave a Reply