THE PICTUREBOOKS – il video di “Too Soft To Live And Too Hard To Die” con la partecipazione di Elin Larsson (Blues Pills)

Il 2021 è stato un anno pienissimo per i THE PICTUREBOOKS. Quella che nacque come un’idea bizzarra, “The Major Minor Collective”, si è trasformata in un album mastodontico con un un sacco di collaborazioni incredibili. Accompagnato da una campagna di singoli durata sei mesi l’album vedrà finalmente la luce il 3 settembre 2021.

Oggi la band presenta il nuovo singolo “Too Soft To Live And Too Hard To Die”, accompagnato da un videoclip ufficiale disponibile dalle 18:00 di oggi.

Al brano ha collaborato Elin Larsson, cantante dei Blues Pills. Ulteriori ospiti speciali presenti nel brano sono il bassista Ryan Sinn (The Distillers) e Sven Pollkötter (Taumel) alle percussioni.
“Too Soft To Live And Too Hard To Die” è disponibile su tutte le piattaforme digitali: https://thepicturebooks.lnk.to/TheMajorMinorCollective
I THE PICTUREBOOKS saranno in diretta su Instagram (https://www.instagram.com/thepicturebooks/) a partire dalle ore 17:50 assieme a Elin Larsson per una breve chat coi fan.

Il commento di Elin Larsson:
“È stato elettrizzante registrare ‘Too Soft To Live And Too Hard To Die’ con Fynn e Philipp dei The Picturebooks . Hanno guidato fino alla mia città natale Fagersta in Svezia. Siamo usciti assieme e abbiamo scritto e composto immediatamente. Amo questi tizi!”

 Il commento della band:
“Elin Larsson è stata nella nostra lista dei desideri per molto tempo ed è stata la prima a dire sì per lavorare con noi a questo album. Siamo andati a Fagersta, in Svezia, per registrarla nel seminterrato di sua suocera.
Due giorni intensi di jam, scrittura e canto, buon cibo e un’atmosfera incredibile! Elin è perfetta per questa canzone e Ryan Sinn deii THE DISTILLERS supera tutto con una performance incredibile al basso! Grazie anche a Sven Pollkötter dei TAUMEL per aver aiutato con la doppia batteria. Philipp e Sven hanno suonato la batteria insieme nel nostro garage.”

Be the first to comment

Leave a Reply