STRIGOI – firmano per Nuclear Blast e annunciano il nuovo album “Abandon All Faith”

Quando il chitarrista dei PARADISE LOST, Greg Mackintosh, ha messo fine al suo side project VALLENFYRE nel 2018, ha chiuso un periodo difficile, ma alla fine catartico della sua vita. Creati come omaggio a suo padre John, scomparso nel 2009, i VALLENFYRE inizialmente servirono da cassa di risonanza per il dolore di Greg, diventando poi la sua visione nichilista sul mondo. La breve esistenza dei VALLENFYRE era intenzionale: la band ha sempre saputo che non sarebbe andata oltre i tre album in studio che portavano questo nome. Pochi giorni dopo che i VALLENFYRE hanno suonato il loro ultimo spettacolo dal vivo a settembre 2018, Mackintosh ha annunciato la formazione di una nuova band, gli STRIGOI. Fresco della firma per Nuclear Blast, il duo inglese pubblicherà l’album di debutto “Abandon All Faith” il 22 novembre e il primo singolo vedrà presto la luce del giorno.

Con il nome degli spiriti travagliati della mitologia rumena che potrebbero sorgere dalla tomba e assumere una forma completamente diversa, la formazione degli STRIGOI viene completata dall’ex bassista degli EXTREME NOISE TERROR e VALLENFYRE Chris Casket. (Il batterista dei PARADISE LOST Waltteri Väyrynen ha suonato la batteria in studio ma non sarà un membro a tempo pieno.) Registrato nel suo studio Black Planet tra gennaio e marzo 2019, il debutto di 12 canzoni “Abandon All Faith” vede Mackintosh mettere da parte il suo amore per il death metal old-school, grindcore e punk a favore di una viscerale ma cinematica offerta di metal estremo. Mentre i VALLENFYRE erano un po’ sporchi, crusty e spesso “nei bassifondi“, gli STRIGOI evocano sensazioni di terrore e ostilità, intrecciate con le linee di chitarra di Mackintosh e il mordente fragore del death metal.

“Con i VALLENFYRE, abbiamo intrapreso una direzione sempre più crust”, spiega Greg Mackintosh. “Pensavo non potessimo andare oltre, quindi dovevo inserire alcuni nuovi elementi. Con gli STRIGOI, c’è un po’ di inquietudine, anche alcuni sottili elementi di industrial e persino black metal. L’obiettivo era di cambiarle un po’. Ero assolutamente contento di quello che stavo facendo con i VALLENFYRE, ma con gli STRIGOI volevo provare nuove cose per separarci dal branco.”

Be the first to comment

Leave a Reply