PER WIBERG – pubblica il nuovo singolo ‘Pile Of Nothing’ dall’album solista ‘Head Without Eyes’

Oggi PER WIBERG, polistrumentista che ha suonato tastiere, basso e chitarra con svariate band tra cui Opeth, Spiritual Beggars, Candlemass e altre, svela il nuovo singolo ‘Pile Of Nothing’. La canzone è tratta dall’album solista ‘Head Without Eyes’ in uscita il 10 maggio su Despotz Records/Terminal Video Distribuzione.

Un brano un po’ contorto, dissonante e rumoroso, ma anche melodico e pesante. Originariamente fu pensato per essere da qualche parte lungo le linee ‘fangose ‘ di Swans che incontrano i Talk Talk e Scott Walker. Ci sono sicuramente tracce di quell’intenzione, ma è venuto fuori molto più pesante del previsto. Sono molto felice che Billie Lindahl (Promise And The Monster) abbia accettato di cantare anche nei cori. Il contrasto tra la sua voce eterea e il doom dà alla canzone un tono diverso, oltre ad aggiungere più peso al testo piuttosto oscuro. È un mix dettagliato e interessante che funziona bene in cuffia, direi, ovviamente suonandolo a tutto volume. Godetevelo“, spiega Per Wiberg.

 

Precedentemente è stato pubblicato il singolo “Get Your Boots On”: https://youtu.be/BaWlJR-X_o0

 

Il termine “heavy” può essere applicato a molti generi musicali diversi e in molti contesti differenti. Negli ultimi trent’anni il musicista svedese PER WIBERG si è guadagnato da vivere suonando principalmente musica pesante. Un polistrumentista che ha suonato tastiere, basso e chitarre con un nutrito numero di band e artisti come Opeth, Spiritual Beggars, Candlemass, oltre a Clutch / Bakerton Group, Switchblade e Kamchatka solo per citarne alcuni.

 

Sono sempre stato e, per molti aspetti, sono ancora un tipo da band, quindi per questa avventura in solitaria ci è voluto molto tempo. Fa paura non avere un gruppo di amici su cui fare affidamento e scambiare le proprie idee, ma è stato molto salutare uscire da quella comfort zone. Penso che si rifletta molto sulla musica ed è sicuramente un album che dovevo fare. È tempo per un diverso tipo di musica pesante”, spiega PER WIBERG.

L’album “Head Without Eyes” è il risultato della necessità di non rimanere fermi dal punto di vista artistico. Se si combina questo con una vita di dipendenza dalla musica e di collezione di dischi, si otterrà un amalgama di hook accattivanti e melodie memorabili sovrapposte a suoni allucinati che esplorano i lati più sperimentali della musica rock. Categorizzare risulta impossibile, ma proviamo a dipingere la scena. Immaginiamo, se si riesce, un tè pomeridiano con Killing Joke e Van Der Graaf Generator, seguito da una canna in compagnia di Hawkwind e Young Gods, mentre dopo c’è un invito per un bicchierino con Talk Talk e Swans. Siete dei nostri? C’è molto doom, talvolta dissonante, nelle canzoni e insieme alle parti melodiche si crea un interessante senso della dinamica. Ciò è sottolineato dai paesaggi surreali descritti nei testi talvolta sinistri.

Con “Head Without Eyes”, Per ha creato una nuova piattaforma per scrivere e suonare musica che si muove tra dissonanze e armonie. Inoltre, ascoltando queste canzoni, non si può fare a meno di notare quanto suoni maturo per essere un album di debutto, ma del resto, se sei ciò che suoni, non puoi mai sbagliare.

https://www.facebook.com/perwibergmusic/

https://www.instagram.com/per_wiberg/

https://www.facebook.com/DespotzRecords/
http://despotz.se/

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply